Baci, Giulia. Devi accettare il tuo dolore per rinascere a nuova vita

Ho sognato una ragazzina stanotte. Ripeteva il mio nome, mi accarezzava, mi chiamava mamma. Avrà avuto si e no dodici anni, capelli lunghi, occhi arrossati, jeans e maglietta. Si chiamava Martina credo, non so come faccio a saperlo, qualcuno avrà detto il suo nome, ma io non vedevo altri che lei e avrei dato qualunque cosa per poterla consolare… Romanzo di Graziella Dotta 222 pag. euro15,00 febbraio 2016